Family Link | Separazioni e Divorzi
Studio di Psicologia a Ferrara.
5693
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-5693,mkd-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,onyx-ver-1.4.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

Separazione e Divorzi

Mediazione Familiare

Alcune fasi della vita di una coppia possono essere molto complesse e difficoltose, tanto da portare alla consapevolezza e la necessità di sciogliere il legame affettivo, sia esso coniugale, cioè legalmente riconosciuto, sia esso un legame di fatto.

Quando questo accade, soprattutto, quando da questa unione sono nati dei figli, può essere d’aiuto un percorso di mediazione familiare.

Il conflitto in atto tra i partner, può infatti ostacolare enormemente la capacità di entrambi di trovare soluzioni condivise per gestire, nell’interesse reciproco, i figli, le finanze, le proprietà e qualunque altra cosa sia di valore.

La Mediazione Familiare, può aiutare la coppia a mantenere una comunicazione funzionale, anche in un periodo di forte stress emotivo e, qualora ci siano anche dei figli, può aiutare a mantenere alto il livello di attenzione dei due adulti, rispetto alle proprie responsabilità genitoriali, che possono rischiare di essere messe involontariamente in secondo piano, a causa del conflitto in atto.

Si tratta di un percorso di crescita individuale e relazionale, facilitato dalla presenza del Mediatore Familiare, che ha come obiettivi principali, da un lato la ricerca di nuove modalità comunicative che permettano di non “buttare-via-tutto”, dall’altro il raggiungimento di soluzioni che siano condivise, nella misura maggiore possibile, fra i due partner.

Tutto questo partendo dal presupposto che è proprio la condivisione, costruita e raggiunta al termine del percorso di mediazione, che rende quegli accordi più “giusti” per entrambe le parti e quindi più duraturi nel tempo.

Chi può accedere alla Mediazione Familiare?

  • La coppia genitoriale in via di separazione o già separata che sta sperimentando difficoltà
  • Il singolo genitore in difficoltà nella relazione con l’ex partner
  • Genitori con figli maggiorenni
  • La coppia in via di separazione senza figli

Consulenza tecnica di parte

Chi può richiederla?

Qualsiasi genitore si trovi, ad esempio, nella difficile e dolorosa fase della separazione, che abbia bisogno di sostegno ed orientamento tecnico per quanto riguarda la salvaguardia del proprio benessere di genitore e di quello dei figli.

Nei casi di separazione conflittuale, la figura del consulente tecnico di parte rappresenta un’opportunità di sostegno psicologico importante ed anche una guida esperta in grado di lavorare in squadra con il legale incaricato, prima, durante e dopo tutta la fase giudiziale.

L’avvocato che assiste un cliente può avvalersi della collaborazione di un consulente tecnico per segnalare la specificità di una situazione famigliare, soprattutto in famiglie con figli minori o disabili, avanzando ipotesi e strategie ‘non automatizzate’, prendendo in considerazione la possibilità di nominare un consulente tecnico di ufficio per meglio tutelare gli aspetti psicologici, affettivi e relazionali che sottendono i legami famigliari.

Chi è il consulente tecnico di parte?

E’ uno Psicologo, preferibilmente Psicoterapeuta, che ha maturato una esperienza significativa nell’ambito Familiare e dell’Età Evolutiva, e che ha una formazione specialistica in Consulenza Tecnica e Perizia Psicologica in ambito Forense.

Nonostante l’attività del Consulente Tecnico di Parte sia di intensità e prerogativa differente da quella del Consulente Tecnico di Ufficio, il valore del suo operato si giustifica in termini di completezza dell’esito peritale, proprio grazie alla sinergia di lavoro tra i due sistemi tecnici.

Il CTP infatti ha la possibilità di ‘vigilare costruttivamente’ sul percorso di CTU in particolare sulla validità tecnico-scientifica del metodo e degli strumenti utilizzati, alla coerenza delle metodologie utilizzate e gli obiettivi conseguiti in riferimento al quesito espresso dal giudice ed alle modalità di incontro delle persone incontrate.

Aiuta l’avvocato e il cliente a leggere e comprendere meglio il punto di vista psicologico dei dati e della situazione emersi dall’indagine e li aiuta a costruire una visione prospettica nella quale è possibile formulare dei cambiamenti rispetto a quella di partenza. Sostiene psicologicamente il cliente nel delicato percorso della valutazione del perito del giudice.

Psicoterapia del divorzio

La separazione dei genitori è uno degli eventi più complessi che una famiglia si trova ad affrontare. I figli possono manifestare la loro difficoltà, attraverso varie forme di disagio o sintomi che preoccupano la coppia genitoriale. Un approccio specifico, che preveda il coinvolgimento dei vari membri della famiglia separata, può aiutare i componenti a rileggere significati che in una dimensione individuale rimarrebbero più nascosti, per rilanciare nei figli la fiducia e la speranza nei legami.

La metodologia di lavoro prevede una prima fase di analisi della domanda e la strutturazione di interventi personalizzati che possono prevedere sedute familiari, incontri con la coppia genitoriale o con i nuovi partner a seconda degli specifici bisogni.

Sostegno psicologico individuale

La separazione comporta una svolta importante nella vita di una persona; a volte il dolore e lo sconforto dato dal fallimento della relazione possono essere così profondi da rendere impossibile vedere nuove prospettive di benessere e di legame. 

Un percorso di consulenza individuale può aiutare la persona a prendersi cura di sé, partendo dal recupero e dalla valorizzazione delle proprie risorse per superare il disagio legato alla separazione ed affrontare i cambiamenti del presente.

Hai bisogno di aiuto?
Clicca qui per conoscere i nostri servizi.

COME POSSIAMO AIUTARTI